• Home
  • Giurisprudenza
  • Cassazione civile 14928/2012 il travisamento del fatto non costituisce motivo di cassazione

Vendita auto gravata da fermo amministrativo

Tribunale di Genova – Sezione I civile – Sentenza 7 giugno 2017 n. 1526

REPUBBLICA ITALIANA

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO

IL TRIBUNALE ORDINARIO DI GENOVA

PRIMA SEZIONE CIVILE

Il Dott. ROBERTO BRACCIALINI nella qualità di Giudice Unico decorso il prescritto termine ordinario dalla precisazione della conclusioni, ha pronunciato la seguente

Sentenza in grado di APPELLO

nella causa civile iscritta al R.G. 2016 n. 4824 promossa da:

PO. S.r.l. (APPELLO) (…), parte elettivamente domiciliata presso lo studio in GENOVA VIA (…) GENOVA dell’avv. IU.MA. che la rappresenta e difende;

Parte APPELLANTE Contro

JA. SOC. COOP. (…), parte elettivamente domiciliata presso lo studio in VIA (…) 09126 CAGLIARI dell’avv. MA.NI. che la rappresenta e difende;

Parte APPELLATA

MI.VI., parte elettivamente domiciliata presso lo studio in GENOVA PIAZZA (…) 2/6, dell’Avv. ME.Ma. che la rappresenta e difende;

Parte APPELLATA

Avente ad oggetti: APPELLO su decisione GdP in materia di compravendita di bene mobile registrato.

IN FATTO e DIRITTO: Appello r.g. 4824/2016

Po. S.r.l. vs Ja. Soc. Coop. vs Vi.Mi.

Con atto di citazione notificato il 27/12/2013, la società Ja. Soc. Coop., esercente l’attività di trasporti su strada, conveniva in giudizio presso il Giudice di Pace cittadino la società Po. S.r.l., esponendo quanto segue.

In data 13/03/2013 il Sig. Vi.Mi., dipendente dell’attrice, visionava presso la concessionaria Po. un furgone in vendita ((…) targato (…) per l’acquisto del quale essa Ja. effettuava un primo bonifico di 2.783,00 Euro il 15/03/2013 ed un secondo bonifico di 520,00 Euro il 27/03/2013 per il passaggio di proprietà del veicolo. Dopo aver ritirato il veicolo, al Mi. veniva consegnata una copia della carta di circolazione, giacché l’originale veniva trattenuto dalla convenuta al fine di effettuare il trasferimento di proprietà del bene, con la promessa di riconsegnarla

aggiornata nell’arco di una settimana. Il 05/04/2013 il Mi.. alla guida del veicolo in questione, veniva fermato dalla Polizia Stradale che gli elevava un verbale per violazione dell’art. 180 del codice della strada per avere circolato senza aver con sé la carta di circolazione: a seguito della consegna di quest’ultima, la Ja. veniva a conoscenza del fatto che il veicolo non aveva effettuato la prevista revisione periodica.

Da un controllo effettuato dal meccanico di fiducia, sempre secondo la prospettazione attorea, era emerso inoltre che il longherone del lato passeggero dell’automezzo era completamente arrugginito e poco sicuro.

Il dipendente Mi., ne frattempo, veniva nuovamente fermato dalla Polizia Stradale, la quale elevava tre verbali per infrazione al codice della strada: per mancato aggiornamento della carta di circolazione; per guida di veicolo immatricolato per uso proprio, ma utilizzato per trasporto in conto terzi ed infine per circolazione di veicolo sottoposto a fermo amministrativo.

La Ja., pertanto, concludeva prospettando l’inadempimento grave a carico della Po. con consequenziale richiesta di risoluzione del contratto avente ad oggetto il furgone in questione.

Si costituiva in giudizio la Po., chiedendo la reiezione della domanda di parte avversa e negando alcun addebito per le vicende esposte in citazione.

Si costituiva in giudizio, dopo essere stato chiamato in causa da Po., il Mi.. il quale eccepiva la nullità dell’atto di citazione, nonché la propria carenza di legittimazione passiva.

Il Giudice di Pace adito accoglieva la domanda attrice (sentenza n. 569/2016, Rep. n. 672/2016, depositata in cancelleria in data 01/03/2016): accertato il grave inadempimento della società Po., veniva dichiarata la risoluzione del contratto da essa stipulato con la società Ja. per l’acquisto del suddetto veicolo e la convenuta veniva condannata alla restituzione della somma di Euro 3.303,00 oltre interessi legali e rivalutazione, nonché al risarcimento del danno liquidato in maniera onnicomprensiva in Euro 800,00. Inoltre, la convenuta veniva condannata alla rifusione della spese di lite a favore di Ja. e del Mi.

Contro tale sentenza interpone appello la parte convenuta, con citazione in appello del 25/03/2016. prospettando i seguenti motivi di doglianza rispetto alla decisione di primo grado: motivazione del tutto contraddittoria ed errata da parte del giudice adito, avuto riguardo al fatto che l’inadempimento grave ai sensi dell’art. 1455 c.c. si basava sulla circostanza secondo cui il fermo amministrativo a carico dell’autocarro oggetto di vendita e di giudizio doveva essere ben nota alla Po.. considerato che il veicolo proveniva da asta giudiziaria; omessa pronuncia da parte del giudice di prime cure circa il concorso di colpa, rilevabile anche d’ufficio, a carico di Ja. ai sensi dell’art. 1227 c.c., determinato dall’omessa verifica, usando l’ordinaria diligenza, tramite visure al P.R.A. da parte dell’attrice e/o di Gi. Pa. circa la presenza di fermo amministrativo sul veicolo in questione; omessa pronuncia da parte del giudice di pace sulle ulteriori argomentazioni addotte da parte attrice a sostegno della propria domanda e su cui si è anche snodata l’istruttoria, avendo il giudice incentrato la propria decisione sulla problematica del fermo amministrativo; omessa pronuncia sulla

domanda di risarcimento dei danni dell’attrice pur a fronte della riduzione, senza cenno di motivazione nella sentenza impugnata, della domanda di risarcimento dei danni proposta da Ja.; violazione dell’art. 112 c.p.c.

La Ja. ed il Mi. resistono in giudizio con separate difese, chiedendo l’integrale conferma della prima decisione.

Cosi riassunte le difese e sviluppi del precedente giudizio e dell’odierna impugnazione, pare il caso di muovere dall’inammissibilità del motivo di impugnazione relativo all’omessa decisione sui motivi di risoluzioni diversi da quello inerenti il fermo amministrativo del veicolo compravenduto.

L’appellante, infatti, non ha alcun interesse al riguardo, visto che l’unica parte che può dolersene è l’attrice, la quale è evidentemente paga dell’assorbimento delle sue allegazioni relative ai restanti inadempimenti ascritti al venditore nell’unico profilo positivamente scrutinato dal GdP.

Infondata è l’impugnazione sotto il profilo della incongrua valorizzazione del fermo amministrativo, assurto a ragione giustificatrice della pronunciata risoluzione contrattuale. Come esattamente inteso dal GdP, il fermo amministrativo costituisce in base all’art. 86 del D.P.R. 602/1973 sulla riscossione un vincolo di natura reale sul bene mobile registrato, che ne segue le sorti e la circolazione, determinandone una parziale indisponibilità fin quando non sia assolto il credito tributario principale, da esso assistito: con apprezzabili esiti sanzionatoti in caso di circolazione del veicolo interessato (ammenda, confisca).

Si tratta quindi di un vincolo che è ampiamente riconducibile al paradigma dell’art. 1489 c.c. e che. se conosciuto, avrebbe ragionevolmente indotto Ja. ad astenersi dall’acquisto di un bene oggetto di tale limitazione nella fruizione e disponibilità.

La gravità dell’inadempimento è di solare evidenza per l’effetto quasi ablativo che si determina con il fermo in questione, e certamente non può addebitarsi all acquirente di non avere eseguito preventive visure al P.r.a. per prendere cognizione di tale limitazione, non potendo tale genere di controlli rimandare alla sfera dell’ordinaria diligenza, anche per la natura del venditore professionale che offriva in vendita il veicolo: dal quale non ci poteva certo attendere una sorpresa di tanta consistenza, come la sostanziale indisponibilità del furgone offerto in vendita.

La discussione in punto di precisa consapevolezza o meno in capo ai titolari di Po. sulla presenza di tale vincolo è quindi a ben vedere assolutamente secondaria: quale che sia il senso da attribuire alle ammissioni del teste BU., l’unica prova liberatoria ammissibile – sia per gli effetti risolutori, che per il risarcimento del danno ex art. 1494 c.c. – sarebbe stata quella dell’impossibilità per la venditrice di avvedersi di tale vincolo, proprio da parte del soggetto che risultava beneficiario della precedente trascrizione. Una situazione, ben lungi dall’essersi determinata in favore di Po. che ha palesemente omesso ogni verifica sulla libera disponibilità del furgone prima di porlo in vendita.

Infondato risulta anche il motivo di impugnazione, con cui Po. si duole della mancata applicazione delle regole sul concorso di colpa del creditore. Da notare che. contrariamente agli assunti di Ja.. tale prospettazione risultava (tacitianamente) proposta alla 4 riga del 3 paragrafo della comparsa Po. del 9.3.2013.

Pare peraltro allo scrivente che una tale valutazione del contributo ascrivibile al danneggiato sia stata operata, pur se indubbiamente con motivazione implicita, nel momento in cui il primo giudice ha disposto una sostanziosa riduzione dei risarcimenti richiesti dall’acquirente/attrice. Riduzione, che non si spiega altrimenti, se non con la constatazione che pur essendo state documentate con appropriate evidenze tutti gli inconvenienti che sono stati riferiti da Ja. nella citazione introduttiva, non tutte le conseguenze lesive sono state ritenute meritevoli di ristoro. Ciò, per l’evidente considerazione che dopo le prime sanzioni e la scoperta del fermo amministrativo, sarebbe stato prudente non circolare ulteriormente con il veicolo (non revisionato, con danni strutturali, senza libretto originale, oggetto di fermo).

Per quanto riguarda la posizione del Mi.. essa viene in rilievo unicamente in punto di allocazione delle spese del primo grado, non trattandosi di parte contraente della compravendita e tanto meno di soggetto legittimato a far valer i presupposti per la risoluzione del rapporto negoziale.

Il Mi. è stato chiamato in giudizio per l’asserito contributo causale alla determinazione del danno allegato dall’acquirente. In tale prospettiva, però, Po. non era legittimata a pretendere alcuna rivalsa/manleva o altro, dato che Po. risponde per dirette omissioni rispetto agli obblighi a suo carico, quali discendenti dalla compravendita del veicolo. Il contributo del Mi. alla circolazione del veicolo è un profilo, che si è preso testé in esame discutendo del concorso di colpa dell’attrice, visto che il terzo chiamato è stato posto alla guida del mezzo per volontà ed incarico di Ja., sua datrice di lavoro. Ne discende che, nei suoi confronti, Po. non può reclamare alcunché, dopo aver ottenuto già in prime cure la riduzione del risarcimento (che qui si conferma).

Per effetto delle considerazioni in precedenza sviluppate, si ritiene di dover integralmente confermare la decisione resa dal Giudice di Pace. Le spese dell’appello seguono la soccombenza nei rapporti con Ja., determinate come da d.m. 55 del 2014 in rapporto alle concrete utilità conseguite dall’appellata, ma senza liquidazione di compensi per la fase istruttoria.

Lo stesso discorso vale per il Mi., pur se nel suo caso i compensi vanno ulteriormente ridotti per la minore estensione dell’oggetto contenzioso che lo riguardava.

P.Q.M.

Definitivamente pronunciando, respinge il proposto appello e per l’effetto conferma in ogni sua statuizione la sentenza appellata, dichiarandone l’esecutività.

Condanna l’appellante a rifondere le spese di lite delle controparti per l’odierno gravame, liquidate in Euro 75 per esborsi ed Euro 1620 per compensi in favore di Ja.; ed Euro 40 per

esborsi ed Euro 1 100 per compensi in favore del Mi., oltre in ogni caso a spese a forfait 15%. IVA e cpa come per legge per entrambe le parti appellate.

Sentenza esecutiva.

Così deciso in Genova il 6 giugno 2017. Depositata in Cancelleria il 7 giugno 2017.

Tags: Diritto Civile