• Home
  • C. P. P. Minorile
  • Art. 34 Codice Processo Penale Minorile - Impugnazione dell'esercente la responsabilità genitoriale

Art. 19 Codice Processo Penale Minorile - Misure cautelari per i minorenni

Nei confronti dell'imputato minorenne non possono essere applicate misure cautelari personali diverse da quelle previste nel presente capo.

2.  Nel disporre le misure il giudice tiene conto, oltre che dei criteri indicati nell'articolo 275 del codice di procedura penale, dell'esigenza di non interrompere i processi educativi in atto. Non si applica la disposizione dell'articolo 275, comma 3, secondo periodo, del codice di procedura penale. (1)  3.  Quando è disposta una misura cautelare, il giudice affida l'imputato ai servizi minorili dell'amministrazione della giustizia, i quali svolgono attività di sostegno e controllo in collaborazione con i servizi di assistenza istituiti dagli enti locali. 4.  Le misure diverse dalla custodia cautelare possono essere applicate solo quando si procede per delitti per i quali la legge stabilisce la pena dell'ergastolo o della reclusione non inferiore nel massimo a cinque anni. (2) 

5.  Nella determinazione della pena agli effetti della applicazione delle misure cautelari si tiene conto, oltre che dei criteri indicati nell'articolo 278, della diminuente della minore età, salvo che per i delitti di cui all'articolo 73, comma 5, del testo unico di cui al decreto del Presidente della Repubblica 9 ottobre 1990, n. 309, e successive modificazioni. (3)

(1)  Comma così modificato dall'art. 5, comma 4, D.L. 13 maggio 1991, n. 152.

(2) Comma così modificato dall'art. 40, comma 1, D.Lgs. 14 gennaio 1991, n. 12.

(3) Comma così modificato dall'art. 2, comma 1-ter, D.L. 23 dicembre 2013, n. 146.






Leggi altri articoli in: Codice del processo penale minorile
x

Utilizzando il sito si accettano i Cookies, dal medesimo utilizzati, secondo l'informativa consultabile.

Accetto